Vela: Successo a Barcellona per la Windsurfer Grimaldi Cup 2017

La regata della più antica tavola a vela , organizzata dal Club Natacio Barcelona e dalla Federazione Spagnola della Vela, ha visto vincere nelle 5 categorie Andrea Marchesi (A), Luca Frascari (B), Giampaolo Fantozzi (C), Beppe Barone (D) e Celine Bordier fra le donne.

di Guido Amato

Barcellona. Città dalla storia millenaria, capitale della Catalogna, seconda città della Spagna dopo la capitale Madrid.

Per molti Barcellona è sinonimo di Antoni Gaudì e delle sue opere, dal Parc Guell alla Pedrera, passando per Casa Battlò e per l’ancora incompiuta Sagrada Famìlia.

Barcellona è anche “La Rambla”, viale situato tra Plaça de Catalunya centro della città moderna e il Porto Antico, colma di gente a tutte le ore del giorno e della notte.

Barcellona è la squadra calcistica del “Barça”, colma di campioni universalmente riconosciuti come Leo Messi o Neymar Jr., ed il suo stadio “Camp Nou” che con i suoi quasi 100.000 posti è meta di pellegrinaggio di tutti gli appassionati di calcio del mondo.

Barcellona è tutto questo ed anche molto, molto di più.

Per i partecipanti alla “Windsurfer Grimaldi Cup 2017” questa fantastica città che si affaccia sul Mediterraneo, teatro dei Giochi Olimpici estivi del 1992, ha rappresentato lo scenario ideale al quale resteranno indissolubilmente legati ricordi di giorni straordinari di sport, divertimento, amicizia e condivisione.

Lo spettacolo fornito sul lungomare della “Barceloneta”, alla presenza di migliaia di turisti e bagnanti, dalle vele colorate della classe Windsurfer, il fascino di trovarsi tutti dopo tanto tempo all’estero spinti da una passione comune, il buon cibo accompagnato da sincere risate, sono tutti momenti che (siamo sicuri) resteranno nel cuore di tutti i presenti per molto tempo.

Circolo ospitante è questa volta il “Club Nataciò Barcelona” fondato nel 1907 e sede dei Campionati del Mondo di Nuoto del 2003 che, con i suoi ampi spazi e strutture, ha consentito l’allestimento di un vero e proprio “Windsurfer Village” dove gli atleti hanno potuto comodamente preparare e successivamente riporre le proprie attrezzature, espletare le procedure d’iscrizione, riposare tra una prova e l’altra e rifocillarsi con le tanto immancabili quanto buonissime mele della Val Venosta Sudtirol, ormai sponsor fedele della Classe.

I partecipanti, suddivisi nelle due flotte “Yellow” (costituita da leggeri, medio-leggeri, donne e juniores) e “Blue” (pesanti e medio-pesanti), hanno iniziato a darsi battaglia nella specialità dello slalom nella giornata di venerdì, caratterizzata da un vento leggero e costante di circa otto nodi.

Cinque i tabelloni, uno per ogni categoria di peso più le donne, con scontri a eliminazione diretta lungo il percorso costituito da sei boe disposte parallelamente e simmetricamente ed a distanza ravvicinata per consentire diversi manovre fra ingaggi, virate, strambate all’insegna di uno eccezionale spettacolo offerto dall’atletismo dei protagonisti.

Oltre all’abilità nella conduzione della tavola a fare la differenza, in molti casi, è stata la conoscenza del percorso che, non di rado, ha mandato in confusione anche i regatanti più esperti determinando alcune eliminazioni a sorpresa.

Nella categoria “A” (leggeri) a salire sul gradino più alto del podio Andrea Marchesi, davanti a Lorenzo Pavolini e il piombinese Paolo Barozzi.

Per la categoria “B” (medio-leggeri) affermazione di classe Luca Frascari davanti all’altro piombinese Pietro Caramante e il secondo Pavolini, Francesco.

Nella categoria “C” (medio-pesanti) vittoria di Alessandro Torzoni, anch’egli membro della “brigata” toscana, davanti al palermitano Alberto Gange e al segretario di classe Edoardo Thermes che ha partecipato nonostante abbia supportato il maggior peso organizzativo dell’evento.

Podio tutto laziale nella categoria “D” (pesanti) dove è Beppe Barone a precedere Stefano Bonanome, quest’ultimo rientrante in flotta dopo una lunga assenza per infortunio.

Lo slalom in rosa, ovverosia la categoria “F” dedicata alle donne, vede prevalere Celine Bordier davanti a Manuela Arcidiacono.

Grande divertimento, tante risate e sana competizione in acqua nel corso di tutto il primo giorno, poi conclusosi con la cena presso il ristorante & beach bar “El Boo”, sempre sul lungomare della Barceloneta, dove la flotta ha avuto modo di assaggiare alcune specialità tipiche del posto tra cui la famosa “paella” ed il “pan con tomate” (molto simile alla nostra bruschetta).

La location veramente d’effetto era peraltro non lontana dal “Parc Del Fòrum” dove proprio nei giorni di regata si svolto è concluso il “Primavera Sound 2017”, uno dei più grandi ed importanti festival di musica indie ed alternative d’Europa.

Sabato primo giorno di regate di flotta con vento intorno ai dieci nodi, mare sostanzialmente piatto, partenze puntuali e tre prove disputate come da programma.

Prima a scendere in acqua è la “Yellow Fleet” dove i risultati delle prove mettono in evidenza “l’incursione” di Alessandro Minei da Palermo, autore di tre prove di assoluto rilievo (la seconda delle quali conclusasi con un secondo posto).

Al termine delle prove è Andrea Marchesi (con ben tre primi posti) a precedere lo stesso Minei e Mario Valdivieso (molto competitivo nonostante un fastidioso mal di schiena).

Per la “Blue Fleet”, dopo che il comitato è stato costretto dalla rotazione del vento ad annullare una prova durante il suo svolgimento e a ricollocare il campo di regata, è Giampaolo Fantozzi a confermarsi quest’anno nuovamente ad altissimi livelli, chiudendo la giornata in crescendo (un quarto, un secondo e un primo posto) davanti ad Alessandro Torzoni e Giuseppe Barone.

Tutti a terra, dunque, molto soddisfatti della giornata di sport e altrettanto pronti alla cena organizzata presso il ristorante del “Club Nataciò”, dove ospite silenzioso e attesissimo è stata la finale di Champions League che si è disputata proprio sabato sera a Cardiff tra Real Madrid e Juventus, conclusasi con la vittoria del Real (peraltro acerrimo rivale del Barcelona).

La domenica, in attesa del vento presentatosi con l’intensità necessaria solo in tarda mattinata, si è aperta con un debutto assoluto per la classe Windsurfer.

Parliamo della specialità “Freestyle”, disciplina spettacolare consistente nell’eseguire manovre, evoluzioni, rotazioni e salti sulla tavola a pochi metri dalla spiaggia.

Anche qui tantissime risate, pubblico di curiosi in visibilio, e divertimento offerto sia dalle gesta tecniche dei regatanti sia, in alcuni casi, anche da loro abbigliamento notevolmente sopra le righe.

    

La classifica finale di specialità, valida peraltro per la graduatoria “Overall” (che tiene cioè conto sia delle regate di flotta, sia dello slalom che del freestyle appunto) ha visto prevalere su tutti lo stile inconfondibile di Beppe Barone davanti a Paolo Barozzi e Luca Pacitto, terzo.

Giusto il tempo di commentare le performances degli “artisti” del Windsurfer appena esibitisi che il comitato, al presentarsi del vento, chiama in acqua la “Blue Fleet” per disputare le ulteriori prove in programma, seguiti a ruota dalla “Yellow Fleet” per un totale di quattro prove concluse (due per flotta).

Condizioni notevolmente differenti rispetto al sabato, con vento d’intensità superiore ed onda formata proveniente da diverse direzioni, hanno in qualche misura modificato le classifiche del giorno prima.

Per la categoria “A” (leggeri) podio alla fine costituito da Andrea Marchesi (che ha chiuso tutte le prove in prima posizione), Luca Pacitto e Mario Valdivieso.

Per la categoria “B” (medio-leggeri) a vincere è Luca Frascari davanti a Francesco Pavolini e Diego Gallmetzer.

Nella categoria “C” (medio-pesanti) Gianpaolo Fantozzi chiude primo davanti ad Alessandro Torzoni ed Alberto Gange mentre per la “D” (pesanti) è nuovamente Barone a precedere Paco Cottone ed il rientrante Stefano Bonanome, terzo.

Nella categoria “F” (donne) Celine Bordier vince davanti a Manuela Arcidiacono e Margherita Thermes.

Nella summenzionata classifica “Overall” comprensiva di tutte le specialità Beppe Barone primeggia davanti ad Andrea Marchesi e al piombinese Paolo Barozzi.

Con quella di Barcellona si chiude anche la classifica combinata “Sardegna/Barcellona” (che tiene conto anche dei risultati della Regata Nazionale Windsurfer disputatasi a Coluccia lo scorso maggio) e che ha premiato i quattro vincitori nelle quattro differenti categorie con un buono passaggio-nave valido per 4 persone messo a disposizione dallo sponsor Grimaldi.

Si aggiudicano il premio Andrea Marchesi nei leggeri, Luca Frascari nei medio leggeri, Giampaolo Fantozzi nei medio pesanti, Paco Cottone nei pesanti e Manuela Arcidiacono per le donne.

Coerentemente con il respiro internazionale della “Windsurfer Grimaldi Cup 2017” ha impreziosito la flotta la partecipazione di numerosi atleti provenienti anche dalla Spagna, dall’Olanda e della Francia, ed anche dall’Australia con ospite d’eccezione Bruce Wylie ad ulteriore conferma di come il “Windsurfer Spirit” sia un fenomeno ormai traversale a diverse latitudini ed in piena diffusione.

Prossimo appuntamento la regata nazionale di Vindicio (il 17 e 18 giugno prossimi) prima degli attesissimi ITALIAN OPEN di Mondello previsti dall’8 al 10 settembre, manifestazione che chiede l’attività internazionale della classe Windsurfer inviata a Sydney con gli Australian Open nel mese di gennaio.

 

Classifiche:

 


Inserito da Redazione 8 giugno 2017
Albaria Prima Pagina è una pubblicazione, edita da Albaria A.S.D., iscritta il 26/03/1983 al n. 10 del registro della stampa presso il Tribunale di Palermo. E-mail albariapress@albaria.com


ESplora le webcam