Windsurfer: 40° Australian Open, Sydney 2017, ecco i risultati e protagonisti

A Balmoral Beach si è disputata la festa per i 40 anni della Classe Windsurfer in Australia con un prestigioso campionato internazionale con oltre 80 concorrenti; gli Azzurri hanno centrato due bronzi: Mario Valdivesio nella Course Racing e Simona Cristofori nella Maratona

Schermata 2017-02-09 alle 18.14.02
IMG_2078 IMG_2127

 

Di Edoardo Ullo

Festa doveva essere e festa è stata. A Balmoral Beach, una delle spiagge di Sydney e sede spirituali del windsurf, le leggende mondiali della Classe Windsurfer si sono riunite per un appuntamento d’eccezione.

Dal 26 al 29 gennaio si sono dati battaglia oltre 80 contendenti provenienti, oltre che da ogni angolo dell’Australia, dall’Italia, dalla Finlandia, Norvegia, Hong Kong, Stati Uniti. Con la presenza di tanti campioni nazionali, campioni mondiali ed olimpionici è stata la flotta più ampia e competitiva in questa classe nell’ultima decade. In acqua atleti ed atlete di età compresa tra i 14 ed i 70 anni suddivisi per peso e categorie d’età. Un mix colorato che ha tinto l’orizzonte con le tonalità di verde fluoro ed arancione delle vele triangolari capaci di far respirare ai tanti spettatori un’atmosfera anni ‘80.

La location è stata una grande base per le regate che si sono svolte generalmente con venti che hanno soffiato tra i 5 ed i 28 nodi dando un ulteriore motivo di sfida ai concorrenti.

16463052_10154817157866397_8286076110654630210_o
IMG_1991IMG_1905

Gli italiani sono stati ben rappresentati con 7 atleti al via e due bronzi centrati da Mario Valdivesio nella Course Racing e Simona Cristofori nella Maratona. Ettore Thermes, Giampaolo Fantozzi, Leonardo Leone, Mario Valdivieso, Simona Cristofori, Diego Galmetzer e Vincenzo Baglione hanno formato la rappresentataiva Azzurra.

IMG_2118

Quattro le discipline che hanno alimentato il palinsesto della quarantesima edizione degli Australian Open: Course Racing, Slalom, Freestyle e Maratona. Ecco i risultati delle categorie:

Course Racing è stata la disciplina più importante per determinare il punteggio complessivo ed ha visto sette manche decisamente competitive e spettacolari.

Dopo battaglie titaniche i risultati hanno premiato Tim Gourlay tra gli uomini pesi leggeri che ha preceduto Rob Treharne e Mario Valdivesio.

Tra i pesi medi vittoria di Josh Greed su Nick Benz e Chris Thompson. Tra i pesi massimi Dennis Winstanley ha preceduto Rohan Cudmore e Stuart Gilbert.

Simon Jones si è aggiudicato i pesi super massimi su Paul Grimshaw e Gerald Nailon.

Tra le donne, Lanee Buttler ha avuto la meglio su Mel Webb e sulla norvegese Jannicke Stolstrom.

Tra gli Junior, Will Grimshaw ha preceduto Max Paul ed Anthony Charlton.

Nello Slalom, una competizione ad eliminazione diretta con i primi quattro classificati di ogni batteria che avevano diritto di andare avanti fino alla finale. Tre le batterie disputate che hanno premiato Winstanley, Gourlay e Treharne. Mario Valdiviesio e Vincenzo Baglione hanno vinto due batterie e per so l’ultima che li avrebbe portati in finale.

Le donne hanno disputato cinque serie per delineare il seguente podio: Beashel, Gilbert e Webb.

Nel Freestyle, un evento condensato in esibizioni di tre minuti ricche di tricks ed acrobazie c’è stata la vittoria ex aequo tra Rob Treharne e Tim Gourlay. I giudici hanno decretato così. La coppia ha ha preceduto Dennis Winstanley, bronzo.

Lanee Buttler, ancora una volta, ha trionfato tra le donne con Mel Webb a seguire e la finlandese Sirpa Hovi sul gradino più basso del podio.

Nella Maratona, evento di resistenza, che ha visto la flotta navigare nella baia tra Chinaman’s Beach a Bltimoral passando per Manly Bombora Clontarf e tornare a Balmoral per il traguardo finale, i marinai più leggeri hanno avuto più beneficio. Il vento è stato tra i 5 e gli 12 nodi.

16387379_10154546406882982_4297392566059072198_n

Vittoria tra gli uomini di Tim Gourlay, poi Rob Treharne e Josh Green. Tra le donne Lanee Beashell, poi Jannicke Stolstrom e Simona Cristofori.

Nel Pentathlon, che ha racchiuso i risultati di tutte le discipline, Tim Gourlay è stato incoronato campione con Dennis Winstanley in seconda piazza e Josh Green in terza.

Lanee Buttler è stata nominata donna della competizione con un punteggio pieno (Perfect Score) avendo vinto in tutte le discipline. Ha preceduto Melanie Webb ed Annalise Gilbert.

Tra gli Junior, Will Grimshaw ha avuto la meglio su Max Paul ed Anthony Charlton.

David West, presidente della Classe Windsurfer ha affermato che l’interesse per questa categoria del windsurf sta rinascendo. Molti sono tornati allo sport dopo molti anni ed è una classe che unisce atleti giovani ed esperti in regate divertenti dando anche varietà d’azione tra chi preferisce le regate tra le boe, lo slalom, la maratona ed il freestile.

“La classe Windsurfer sta vivendo un momento di rinascita – ha spiegato West – ed i club riescono ad organizzare gare in tutta l’Australia. E’ bello vedere di fronte tanti appassionati di qualunque età sfidarsi. Soprattutto quelli che sono tornati allo sport dopo molti anni affiancarsi ai nostri giovani juniores e quelli che sono venuti da tutto il mondo per la quarantesima edizione degli Australian Open. E’ stata una grande festa. E’ una grande festa che ha il sapore familiare fatto da tanti appassionati che si sono riuniti”.

Premio alla carriera è andato a Greg Johns che nel 1977 era presente al primo campionato australiano.

Johns ha anche detto: “La classe Windsurfer è stata, e continua ad essere, una grande classe di formazione per alcuni dei velisti di maggior successo in Australia ma anche nel resto del mondo. La riprova la presenza di tanti atleti provenienti dall’estero che si sono cimentati tra le onde per la quarantesima edizione della manifestazione”.

L’evento ha avuto anche alcuni premi riservati ai veterani. I “Windsurfer Classic” che promuovono lo spirito unico del windsurf che vanno appannaggio di personaggi folcloristici o episodi bizzarri durante le regate. Steve “The Pirate” Martland di Magnetic Island si è aggiudicato il premo per il suo stile ed abbigliamento da pirata adottato per tutte le regate.

Cala così il sipario sull’evento e già si pensa all’edizione 2018 che si svolgerà nello stato australiano di Victoria. Dall’altra parte del Mondo sono previste due importanti manifestazioni che festeggeranno i 50 anni della nascita del Windsurfer, la EuroCup di Barcellona dal 2 al 4 giugno e la Windsurfer Italian Open di Palermo con la Legend Race dal 8 al 10 settembre 2017.

 

IMG_2121
16402731_10154817149206397_5697994761628397343_o

 

Le classifiche:
Leggeri:
mens-lightweight-2017-40th-anniversary-nationals-results-course-racing

 


Medio:
mens-mediumweight-2017-40th-anniversary-nationals-results-course-racing1

IMG_2136
Pesanti:
mens-heavyweight-2017-40th-anniversary-nationals-results-course-racing

FullSizeRender

 

Donne:
women-2017-40th-anniversary-nationals-results-course-racing-2

FullSizeRender

 

Generale delle varie discipline PENTHATHLON
womens-and-mens-overall-pentathlon-2017-40th-anniversary-results

FullSizeRender

Da sinistra Edoardo Termes, Giampaolo Fantozzi, Leonardo Leone, Mario Valdiviesio. Tracciano la loro trasferta da Roma a Sydney facendo scalo ad Abu Dabi.

16463177_10154817157861397_2183270647904841672_oFullSizeRender
FullSizeRender
IMG_1917 IMG_1921
IMG_1961
IMG_2036
IMG_1969


IMG_1979
IMG_1999
IMG_2022
FullSizeRender
IMG_2047
IMG_2060 IMG_2071
FullSizeRender IMG_2083
IMG_2085
FullSizeRender FullSizeRender
IMG_2100
IMG_2104
IMG_2107

16403387_10154817103356397_1756497498561515334_o 16422692_10154817104431397_1320677575829960680_o

16265391_10210774085455674_3648414000591121976_n 16299333_10210774048774757_6536334382551235428_n

IMG_2143 FullSizeRender

IMG_2155


Inserito da Redazione 9 febbraio 2017
Albaria Prima Pagina è una pubblicazione, edita da Albaria A.S.D., iscritta il 26/03/1983 al n. 10 del registro della stampa presso il Tribunale di Palermo. E-mail albariapress@albaria.com


ESplora le webcam