Vela Olimpica 470: Gli azzurri Zandonà-Trani sesti ai Mondiali in Argentina

A San Isdro, vincono i croati Sime Fantela ed Igor Marenic. Interrotto il dominio degli australiani Mathew Belcher e William Ryan (quarti) che durava da cinque edizioni consecutive. Tra le donne vince la coppia francese Camille Lecointre ed Helene Defrance

worlds_470_argentina_ita2Screen Shot 2016-02-27 at 20.04.13
Di Edoardo Ullo

Si chiude il sipario sui Mondiali della Classe Olimpica 470 che si sono conclusi A San Isdro, in Argentina, dopo una settimana di gare condizionate dal Meteo e vento variabile.

Nella competizione maschile i croati Sime Fantela ed Igor Marenic detronizzano gli australiani Mathew Belcher e William Ryan che vincevano l’oro da ben cinque edizioni consecutive e giunti quarti.

Fantela e Marenic, forti anche di due due successi, di cui il secondo nella penultima prova, hanno conquistato l’iride chiudendo con 10 punti la Medal Race e posizionandosi con 52 punti netti al comando davanti ai neozelandesi Paul Snow-Hansen e Daniel Willcox ai quali non è bastato vincere l’ultima prova con punteggio doppio per aggiudicarsi il titolo.

Bronzo per i francesi Sofian Bouvet e Jérémie Mion, secondi nella prova conclusiva, decisiva per l’assegnazione della medaglia.

Detto del quarto posto degli ex Campioni Belcher-Ryan, troviamo i britannici Luke Patience e Chris Grube. Buona la sesta posizione di Gabrio Zandonà ed Andrea Trani, sesti anche nella Medal Race. Per gli alfieri della Marina Militare è stato un Mondiale ad alto livello grazie alla loro costanza ed alla loro presenza dal primo all’ultimo giorno di regate nella top ten.

Lontano l’altro duo Azzurro in gara tra gli uomini: Giacomo Ferrari e Giulio Calabro (Lega Navale Ostia) concludono le loro fatiche al ventiquattresimo posto.

Tra le donne, le francesi Camille Lecointre ed Helene Defrance (bronzo l’anno scorso) salgono sul gradino più alto del podio grazie al quinto posto nella Medal Race che ha permesso loro di contenere il tentativo di rimonta delle neozelandesi Jo Aleh e Polly Powrie. Alla fine il distacco tra i due equipaggi sarà solo di tre lunghezze. Poco più indietro le austriache Lara Vadlau-Jolanta Ogar.

Fuori dall’alta classifica le due barche azzurre, ventesimo posto conclusivo per Elena Berta e Sveva Carraro (Aniene/Aeronautica Militare) e trentacinquesimo per Roberta Caputo ed Alice Sinno (Aniene).

470_worlds2016

LE CLASSIFICHE

TOP TEN MASCHILE (42 partecipanti)
1) CRO Sime Fantela/Igor Marenic, 52 pts
2) AUS Paul Snow-Hansen/Daniel Willcox, 57 pts
3) FRA Sofian Bouvet/Jérémie Mion, 66 pts
4) AUS Mathew Belcher/William Ryan, 66 pts
5) GBR Luke Patience/Chris Grube, 100 pts
6) ITA Gabrio Zandonà/Andrea Trani (Marina Militare), 105 pts
7) GER Fernandez Gerz-Oliver Szymaski, 109 pts
8) GRE Panagiotis Manti/Pavlos Kagialis, 111 pts
9) SWE Anton Dahlberg/Fredrik Bergstrom, 115 pts
10) ESP Onan Barreiros Rodriguez/Juan Curbelo Cabrebra, 122 pts.

Zandonà_470_worlds2016

Gli altri italiani
24) Giacomo Ferrari/Giulio Calabro (Lega Navale Ostia), 186pts

TOP TEN FEMMINILE (39 partecipanti)
1) FRA Camille Lecointre/Helene Defrance, 54 pts
2) NZL Joh Aleh/Polly Powrie, 57 pts
3) AUT Lara Vadlau/Jolanta Ogar, 62 pts
4) BRA Fernanda Oliveira/Ana Luiza Barbachan, 66 pts
5) POL Agnieskza Skrzypulec/Irmina Mrozek Gliszczynska, 69 pts
6) USA Anna Haeger/Brianna Provancha, 72 pts
7) CHN Xiaoli Wang/Lizhu Huang, 74 pts
8) USA Sydney Bolger/Carly Shevitz, 83 pts
9) NED Afrodite Zegers-Kyranakou/Anneloes Van Veen, 90 pts
10) ESP Barbara Cornudella Revetllat/Sara Lopez Ravetllat, 91 pts

LE ITALIANE
20) Elena Berta/Sveva Carraro (Aniene/Aeronautica Militare), 192 pts
35) Roberta Caputo/Alice Sinno (Aniene), 232 pts.

http://2016worlds.470.org/en/default/races/race-resultsall


Inserito da Redazione 27 Febbraio 2016
Albaria Prima Pagina è una pubblicazione, edita da Albaria A.S.D., iscritta il 26/03/1983 al n. 10 del registro della stampa presso il Tribunale di Palermo. E-mail albariapress@albaria.com


Esplora le webcam