Il caicco Santa Lucia approda in Turchia per la Bodrum Cup

Appuntamento in Turchia per la 27esima edizione della Bodrum Cup: una regata a cui parteciperanno i caicchi da tutta europa, che inizierà il 19 ottobre ed alla quale prenderà parte il caicco italiano di 26 metri dell’armatore Michele Alfredo con i colori del Circolo Nautico Riva di Traiano. La regata partirà da Bodrum e scalerà tutte le isole greche di Gumulsuk, Leros e l’alternativa località turca Yalikavak per poi rientrare nel punto di partenza.

Bodrum cup

Schermata 2015-09-30 alle 15.41.48

di Greta Di Maria

Da barche turistiche a barche da regata. Come ogni anno si svolgerà in Turchia la Bodrum Cup: una regata riservata ai caicchi, diventata ormai un evento di rito. E inizierà il 19 ottobre la 27esima edizione, alla quale prenderà parte anche un’imbarcazione che sull’albero maestro isserà la bandiera tricolore. Stiamo parlando del caicco italiano Santa Lucia che, il prossimo ottobre, con la Cerimonia di apertura della Bodrum Cup darà il via alla sua avventura in questa regata riservata ai caicchi che convengono da tutta Europa. Una competizione non indifferente è la regata che partirà da Bodrum e scalerà tutte le isole greche di Gumulsuk, Leros e l’alternativa località turca Yalikavak per poi terminare il 24 ottobre a Bodrum.

caicco_santalucia

Un equipaggio all’altezza della situazione, perché a bordo ci saranno, oltre all’armatore Michele Alfredo Paese, Felice Calabrese (comandante dell’imbarcazione), Giorgio Papini (comandante di lungo corso), Gianni Lombardi (randa), Stefano Gregni (taylor), Mauro Astore (taylor), Francesco Esposito (prodiere), Mustafà Kemal (prodiere), Letizia Gregni (manovre) e Paola Gregni (manovre). Provetti skipper che guideranno, verso la giusta rotta, la «Bodrum Gulet» Santa Lucia, che dal 2006 stupisce con la sua lunghezza f.t. pari a 26 metri e la sua superficie velica totale di 273 mq, con due alberi d’acciaio con due ordini di crocette, genoa a trinchetta avvolgibile, randa e vela mazzana con lazy jack.

Michele Alfredo Paese è senz’altro un armatore dalle grandi speranze, trasformando il Santa Lucia un gioiello da condurre con cura, con allenamento e con l’equipaggio al completo insieme all’innesto di velisti locali abituati a questo tipo di regate. Ma, di un’imbarcazione di grande importanza è anche il guidone a fare la sua parte, e il Santa Lucia sarà lieto di portare, fino in Turchia, il nome del Circolo Nautico Riva di Traiano, lo stesso circolo che augura all’imbarcazione una buona fortuna fuori dalle righe. Un «buon vento».

La regata è pronta ad accogliere la presenza di oltre un centinaio di imbarcazioni ed un migliaio di persone tra pubblico, equipaggio e turisti di tutte le nazionalità imbarcati a bordo. Specialista nel promuovere l’interesse verso le flotte charter e di mettere alla prova l’abilità della navigazione degli skipper dei caicchi, che nel lavoro di tutti i giorni navigano in sicurezza in queste imbarcazioni: la Badrum Cup resta sempre la regata annuale organizzata dallo Era Bodrum Sailing Club. «Una riunione di fine stagione», a molti piace definirla così, nata come un incontro tra amici per skipper che solitamente conducono queste barche da soli e poi, la sera, tra un calice di vino ed un amaro, si confrontano pareri messi a punto dopo una giornata ondeggiante.

 

Foto link : https://www.flickr.com/photos/116833685@N06/


Inserito da Redazione 30 Settembre 2015
Albaria Prima Pagina è una pubblicazione, edita da Albaria A.S.D., iscritta il 26/03/1983 al n. 10 del registro della stampa presso il Tribunale di Palermo. E-mail albariapress@albaria.com


Esplora le webcam