Mondello Photo History, prorogata a richiesta fino all’8 gennaio 2019

L'esposizione delle foto allestita dal mese di maggio è stata arricchita con nuove immagini a settembre e posticipatala chiusura all'8 gennaio 2019

di Guido Amato

I numerosi appassionati di Mondello, del suo mare, dei suoi panorami e delle sue passeggiate ma anche delle inconfondibili ville stile liberty, dallo scorso mese di maggio hanno avuto modo di apprezzare le foto esposte nell’isola pedonale permanente di Viale Regina Elena davanti alla sede dell’associazione Albaria.

Si tratta di “Mondello Photo History” ideata e progettata dal tedesco Hans Moore, i cui striscioni posizionati lungo il marciapiede con la loro flessibilià hanno resistito a raffiche di vento d’intensità superiore ai 40 nodi.

L’esposizione fotografica, inserita all’interno del programma di “Palermo Capitale della Cultura”, è stata realizzata dall’Albaria senza alcun finanziamento ma esclusivamente con l’apporto di numerosi collezionisti ed appassionati che lo scorso settembre ne hanno richiesto il prolungameento arricchendo la mostra all’aperto con nuovi scatti, raccolti in un video che sarà consultabile prossimamente attraverso i nostri canali.

 

È stato proprio “Palermo Capitale della Cultura” il volano che ha attirato nell’isola pedonale di Valdesi – teatro dell’esposizione – numerosi turisti ed altrettanti cittadini che hanno avuto modo di fare un tuffo nel passato ammirando gli scatti inediti ed i colori mozzafiato del golfo di Mondello.

È stato possibile viaggiare a ritroso nel tempo, ad esempio sino al primo ventennio del novecento, per ammirare varie immagini che riprendono lo stabilimento balneare in muratura, nelle varie fasi della sua costruzione su palafitte ed inaugurato in occasione del festino di Santa Rosalia il 15 luglio del 1913.

Tuttavia la foto che ha riscosso maggiore consenso è quella dello stabilimento in legno “Badalamenti” esistente prima che venisse realizzata l’opera in cemento armato dalla società belga “Les Tranwais de Palerme”, che cambio denominazione nel 1933 in “Mondello Immobiler ital-belge” pur rimanendo sempre di nazionalità belga.

Sarà anche possibile ammirare anche dall’alto la “Grande Passeggiata Giardino” – di cui hanno sempre goduto i cittadini – confinante fra la spiaggia e viale Regina Elena, realizzata giusto compromesso fra il Comune di Palermo e la società belga in base al piano regolatore del 1906, che giungeva dalla Garitta del Dazio a Piazza Valdesi sino all’inizio delle case dei pescatori.

“Ancora una volta il nostro sodalizio è impegnato in iniziative di valorizzazione del territorio”. Lo ha detto il Presidente dell’Albaria, Alessandro La Monica. “Innovare guardando al passato, ricordare la storia della spiaggia della borgata marinara di Palermo attraverso immagini inedite e – continua La Monica –  con un’istallazione semplice di grande effetto e visibilità, è stato il nostro contributo a Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018. Abbinare cultura, sport, valorizzazione del paessaggio è sempre stata la vocazione della nostra associazione. Dall’organizzazione di piccoli e grandi eventi come il Windsurf World Festival con iniziative più varie, siano esse sportive che culturali, alle escursioni in SUP con il battesimo del mare, da “Piano City” alle altre attività quotidiane come “Mondello Photo History” (una ricostruzione attraverso le immagini della storia della borgata di Mondello e di Palermo, ndr) è questo l’impegno di Albaria a favore del territorio, a favore dello sviluppo e della crescita culturale ma – conclude il numero uno dell’Albaria – anche economica della Sicilia”.


Inserito da Guido Amato 27 dicembre 2018
Albaria Prima Pagina è una pubblicazione, edita da Albaria A.S.D., iscritta il 26/03/1983 al n. 10 del registro della stampa presso il Tribunale di Palermo. E-mail albariapress@albaria.com


Esplora le webcam