Vela Olimpica, Trofeo Princesa Sofia alla coppia Tita-Banti

Poker di medaglie azzurre alla preolimpica di Palma di Maiorca. Dopo l'oro dei Nacra17, argento nel Windsurf IQFoil con Nicolò Renna e con Ferrari-Caruso nei 470 Mixed. Medaglia di bronzo per Germani-Bertuzzi negli FX. Nel medagliere per nazioni l'Italia chiude in terza posizione.

di Matilde Geraci
Non poteva concludersi meglio di così per gli azzurri la 51^ edizione del Trofeo Princesa Sofia, disputata dall’1 al 9 aprile nelle acque di Palma di Maiorca valida come prima tappa delle World Cup Series 2022 e che apre la corsa per Parigi 2024. Ruggero Tita e Caterina Banti, i campioni olimpici in carica, che già avevano messo al sicuro la vittoria nei Nacra 17 con una giornata d’anticipo, confermando un altissimo livello tecnico nonostante le novità della classe, trionfano nella Medal Race, portandosi a casa 16 punti netti e conquistando il Trofeo Princesa Sofia, destinato all’equipaggio con il miglior punteggio finale tra tutte le 10 classi partecipanti. “Siamo molto contenti di avere vinto questa regata – hanno detto i protagonisti dell’impresa – visto che erano due anni che non venivamo a Palma. Un motivo in più di soddisfazione è avere vinto anche il trofeo, per noi questa è la prima volta. È stata una settimana sicuramente impegnativa, ma con condizioni per noi ottimali: sono state le nostre condizioni e siamo riusciti ad adattarci al meglio al nuovo sistema di timoni che era una grande scommessa, visto che ci siamo allenati con questo solo tre giorni prima della regata. Abbiamo molta voglia di imparare e migliorarci e c’è tantissima soddisfazione per avere aperto la stagione, oltretutto dopo l’esperienza olimpica, con questo risultato”. Seconda posizione finale per i finlandesi Sinem Kurtbay e Akseli Keskinen con 52, mentre al terzo posto troviamo i britannici John Gimson e Anna Burnet con 56. Conclude al quarto posto con 74 l’altra coppia di azzurri, Gianluigi Ugolini e Maria Giubilei.

Grande risultato per il giovane atleta del Circolo Surf Torbole, Nicolò Renna, nel Windsurf (con la nuova tavola olimpica iQFoil). Campione europeo Under 21 in carica, Renna ha chiuso la settimana con la conquista della medaglia d’argento, posizionandosi alle spalle del britannico Andrew Brown (37) e concludendo in seconda posizione nella finalissima “Medal Race”. Terzo l’olandese Luuc Van Opzeeland; appena fuori dal podio l’altro italiano, Luca Di Tomassi (Marina Militare) con un quarto posto finale. “Una giornata intensa – ha dichiarato Nicolò a fine regata – che mi ha portato fianco a fianco con Luca (Di Tomassi, ndr) a giocarmi un posto in finale dove la medaglia sarebbe stata assicurata. A quel punto ho spinto al massimo e sono riuscito ad arrivare secondo a coronamento di una settimana difficile e impegnativa. Sono sempre andato abbastanza bene e con costanza. Questa prestazione mi soddisfa e mette in risalto il duro lavoro fatto questo inverno a Lanzarote”. Gli altri italiani: 17 Daniele Benedetti (GS Guardia di Finanza); 28 Antonino Cangemi (C.V. Sferracavallo) 30 Mattia Camboni (Polizia Penitenziaria); 34 Jacopo Renna (Circolo Surf Torbole).

Nella iQFoil femminile il successo finale va alla francese Helene Noesmoen, che ha vinto nettamente davanti alla spagnola Pilar Lamadrid Trueba e sulla polacca Maja Dziarnowksa. Furori dall’alta classifica le altre azzurre in gara con 16ma Giorgia Speciale, 33ma la giovanissima Sofia Renna (Circolo Surf Torbole), 58 Linda Oprandi (KALTERER SPORTVEREIN WINDSURFING), 62ma Marta Magetti (GS Guardoia Finanza) ritirata dopo la quarta prova.

Salgono invece sul secondo gradino del podio del 470 misto Giacomo Ferrari e Bianca Caruso (45), terzi nella Medal Race. L’oro va agli spagnoli Jordi Xammar e Nora Brugman con 28 punti. Chiudono in terza posizione i francesi Kevin Peponnet e Aloise Retornaz (50).

Nella classe 49erFX vincono le olandesi Odile Van Aanholt e Annette Duetz con 51, seguite dalle brasiliane Martine Soffiatti Gael e Kahena Kunze con 61. Chiudono il podio le italiane, campionesse del mondo juniores in carica, Jana Germani e Giorgia Bertuzzi con 69 punti, dopo aver guadagnato una posizione grazie al terzo posto nella Medal Race. Per ritrovare altre azzurre dobbiamo scendere alla settima posizione, dove si piazzano Alexandra Stalder e Silvia Speri (93).

Nella categoria 49er la vittoria va ai francesi Erwan Fischer e Clement Pequin (50). Secondi gli statunitensi Ian Barrows e Hans Henken con 53 e terzi i polacchi Mikolaj Staniul e Jakub Sztorch con 74. Gli italiani Uberto Crivelli Visconti e Giulio Calabrò concludono la Medal Race in ultima posizione e scalano al 10° posto assoluto con 107 punti totali.

Nella formula Kite maschile conquistano le due prime posizioni finali i francesi: la vittoria va a Theo De Ramecourt, che chiude davanti al connazionale Benoit Gomez. Terzo posto per il britannico Connor Bainbridge. I primi azzurri, Riccardo Pianosi e Lorenzo Boschetti, li ritroviamo a pari punti al settimo posto, mentre chiude in 13ma posizione Mario Calbucci. Nel Kite femminile, invece, il successo va alla statunitense Daniela Moroz. Seconda la francese Lauriane Nolot e terza la britannica Ellie Aldridge.

Nel singolo femminile ILCA 6 trionfa la canadese Sarah Douglas con 28 punti finali davanti alla britannica Hannah Snellgrove (59) e alla greca Vasileia Karachaliou (62). Nell’ILCA 7 maschile vince il britannico Michael Beckett con 51 punti. Dietro di lui l’australiano Matt Wearn, secondo con 57, e il tedesco Philipp Bull, terzo con 68.

Francesco Ettorre (presidente FIV): “Credo che la nostra squadra abbia dimostrato di aver lavorato molto proficuamente durante i mesi invernali nei quali abbiamo cercato di compiere un intenso lavoro. La Federazione sta impostando un programma di preparazione a lungo periodo che non si propone necessariamente dei risultati nell’immediato. Ovvio che arrivare alla fine di una settimana così impegnativa con quattro medaglie e delle ottime performance da parte di tutte le classi ci fa essere orgogliosi e ben sperare che il lavoro così come è stato impostato possa pagare.”

Italia terza nel medagliere alle spalle di Francia e Gran Bretagna.
La classica Regata di Palma, uno degli eventi di più alto livello tra le tappe della World Cup, dove hanno partecipato oltre 700 equipaggi in rappresentanza di 62 nazioni internazionali, vede quindi l’Italia, con 1 oro, 2 argenti e 1 bronzo, collocarsi al terzo posto del medagliere dopo Francia e Gran Bretagna.

Nazione      Oro   Argento    Bronzo
________________________________________________
Francia         3         2             1
GBR               2         1             3
ITA                1         2             1
ESP               1         1               –
USA              1         1               –
NED             1         –               1
CAN             1         –               –
AUS              –           1               –
BRA           –           1              –
FIN               –           1              –
POL             –           –               2
GER             –           –               1
GRE             –           –               1

Link utili: Foto Video https://www.trofeoprincesasofia.org/en/default/races/race

Classifiche https://www.trofeoprincesasofia.org/en/default/races/race-resultsall


Inserito da Redazione 10 Aprile 2022
Albaria Prima Pagina è una pubblicazione, edita da Albaria A.S.D., iscritta il 26/03/1983 al n. 10 del registro della stampa presso il Tribunale di Palermo. E-mail albariapress@albaria.com


Esplora le webcam