Windsurfer Siam Cup 2019, Giordano vince per la seconda volta consecutiva in Thailandia

Riccardo Giordano, Stuart Gilbert, Alex Baronjan, Bunyarit Sanggarn e Masako Imai Osada hanno vinto nelle rispettive categorie la regata della storica classe Windsurfer multibrand ben organizzata da Cobra.

L’edizione 2019 della Siam Cup, conclusasi l’otto dicembre a Pattaya in Thailandia, chiude il calendario di regate di quest’anno della storica Classe Windsurfer, definitivamente rilanciatasi grazie al successo della tavola Windsufer.lt.
Questa tavola, realizzata nella primavera del 2018, si è rapidamente diffusasi su scala planetaria grazie alla COBRA ed al nuovo concetto multibrand ideato e voluto dai vertici classe Windsurfer che hanno ben interpretato alcune esigenze di World Sailing. In questo progetto sono attualmente coinvolte le seguenti aziende: Windsurfer, Mistral, Naish, i-99 Sails, Starboard, Exocet ed NSP.

Il 2019 è stato un calendario mai così ricco, che ha toccato il suo apice in occasione del Windsurfer World Championship svoltosi a Torbole alla fine di luglio con oltre 200 partecipanti (primo campionato del mondo sotto l’egida del World Sailing dopo la riaffilazione di questa storica classe) e che, passando per i vari Campionati Nazionali (italiano, francese, olandese, spagnolo, australiano etc.) ha visto anche il successo del Campionato Europeo disputato ad Hoorn, in Olanda, nel mese di Ottobre 2019.

Così come per l’edizione del 2018 il campo di regata scelto per la Siam Cup è stato quello di Pattaya, località molto nota della provincia thailandese di Chon Buri, affacciata sulla parte orientale del Golfo di Thailandia, famosa per il lungomare, i ristoranti, i centri commerciali ed un quartiere dedicato alla vita notturna, ricco di locali e club.

Dal 5 al 8 dicembre la flotta costituita da circa 80 partecipanti si è ritrovata dunque presso il Movenpick Hotel ospite della Cobra International, multinazionale organizzatrice dell’evento, specializzata in prodotti in materiale composito e con una solida tradizione in particolare negli sport acquatici, tra cui il Kitesurf, il surf, il SUP ed, appunto, il Windsurf.

E’ proprio la Cobra ad aver dato forma concreta alla Windsufer LT, realizzando la “white-board” per i più famosi brand del Windsurf: Mistral, Naish, i-99 Sails, Starboard, Exocet e la new entry NSP, erano infatti tutti presenti sulla linea di partenza.

Il bilancio dopo la tre giorni di regata è quello di un evento perfettamente riuscito, grazie anche al contributo di condizioni meteo varie, con tempo soleggiato, 25 gradi e 10/28 nodi di vento praticamente ogni giorno.

Il programma è stato molto ricco e curato in ogni dettaglio dalla Cobra e dal suo staff che per l’occasione ha organizzato un festival di tutte le attrezzature nautiche prodotte dall’azienda thailandese.

Si è partiti con la pratice-race di giovedì, con relativa festa di benvenuto in spiaggia, seguita da due giorni di regate di flotta (venerdì e domenica) per un totale di 6 prove disputate, inframmezzate dalla long-distance del sabato avvalendosi di uno staff tecnico a mare diretto dall’australiano Greg Jones. 

Il campo base della manifestazione è stato allestito, come per l’anno passato, nell’ampio giardino fronte mare messo a disposizione dal Movenpick Hotel, dove gli sponsor hanno fornito tutto il supporto necessario, con bevande e frutta fresca sempre a disposizione degli atleti.

I risultati finali vedono la vittoria in catetegoria leggerei del padrone di casa Bunyarit Sanggarn davanti a Patis Wainwong e U-Ten Sampaotong.

In quella medio leggeri dell’olimpionico tedesco Alex Baronjan davanti al palermitano Giovanni Di Stafano ed all’australiano Peter Monkhouse.

Nella categoria mediopesanti ha vinto per il secondo anno Riccardo Giordano dominatore incontrastato del gruppo medio-pesanti e pesanti concludendo davanti all’australiano Tim Lelliot e Marcantonio Baglione tornato a gareggiare dopo una lunga pausa.

Nella categoria pesanti ha vinto una delle leggende del Windsurf, l’australiano Stuart Gilbert davanti all’inglese Matthew Wemms ed all’altra icona del windsurf mondiale Giuseppe Barone.

Nella categoria femminile bissa il successo dell’anno passato la giapponese Masako Imai Osada, anch’essa con un passato olimpico e vincitrice assoluta della Long-distance. Secondo popsto per la giovane thailandese Siriporn Kaeduangngam che ha concluso davanti alla giapponese Mie Toyooka.

CLASSIFICHE e foto: Siam Cup FUN Page


FOTO: https://www.facebook.com/pg/siamcupinvitational/photos/?tab=album&album_id=2125888114372764&xts%5B0%5D=68.ARCk3OgBmRfoYmN1uehtxEhK91PMPOTHLO4kEMzfNxRQrGpvw_iPcTp9iqTdAnSzIBPKncWBDSky4MF_o8a1Img-E-F9Ts7dCy07GZxL4h3QOYmegEd2XN4m1QJV3wWXhfk48u3JVpmCr5QBukeWxOgtl3UMWnrEnWcgcO1I0Qug_lV8alSS1ANdMgpX_xR83tNRYldNQgnifEzLCXBYDIKZBM8OXEVZNDyxx2DbkwTcT8J06MeAjA5ORNLjBzF1Kmr3Q9o-emDzy7_gFW8U8z4EsOa4kt7Qr1JKzXtro5rxC7xluz5zQAmrrJuzrTEj5xz9nnKHojcYALilTpHSBGfei9nOy0rRg8bwkBQY3ECiZdakuQJRxpXOX3BeRw-Jci4zhDJdXDPcQxe0DfwBaboCf4yef30FEnOSU_XQ4wfHVJTHM3emOIA_bodKd_3WwEscyI3pqbY2_b8yF_b2PIAyT8BoAdbLxYTYx5vhsZLOzEAajdfns08wlVmwxocBeFP-iIyYY_2u38pH6KoPmnRvV1HnIXnxGZB4osxP4TG6&tn=-UCH-R


Inserito da Redazione 18 Dicembre 2019
Albaria Prima Pagina è una pubblicazione, edita da Albaria A.S.D., iscritta il 26/03/1983 al n. 10 del registro della stampa presso il Tribunale di Palermo. E-mail albariapress@albaria.com


Esplora le webcam