Il parere della World Sailing richiesto dalla Fiv è arrivato “Fate pace con Assolaser”

Il caso Fiv-Assolaser si arricchisce di una nuova puntata: il parere chiesto dalla federazione italiana di Croce alla federazione internazionale dello stesso Croce è spiazzante. “Trovate una soluzione, ma sbrigatevela voi”. Contrariamente a quello che si poteva sperare, nonostante Carlo Croce sia contemporaneamente presidente nazionale e internazionale, non è riuscito a dare una risposta convincente a se stesso.

Isaf_Carlo_Croce_Fivassolaser_foto

di Valerio Tripi

La telenovela Laser si arricchisce di una nuova puntata. E come per le precedenti lo spettacolo è all’altezza della situazione. Prima, però, occorre un riassunto delle puntate precedenti: si comincia dalla lunga querelle fra Fiv e Assolaser (segretario Macrino Macrì) che porta alla delibera della Fiv che vieta la partecipazione dei propri tesserati alle manifestazioni Ilca ed Eurilca; poi il passo indietro: chi vuole partecipare può farlo a titolo personale; infine l’annuncio da parte della Fiv di Carlo Croce di una nota ufficiale all’amministratore delegato della World Sailing (Isaf) di Carlo Croce per un parere sulla vicenda. E proprio a questo punto arriva la nuova puntata.

Il parere è stato chiesto e la risposta è arrivata nel giro di una decina di giorni. L’amministratore delegato di World Sailing (Isaf) è Andy Hunt, uomo di fiducia del presidente Carlo Croce: per Hunt, che è ovvio pensare agisca per conto di Croce, la Fiv dello stesso Croce dovrebbe appianare le divergenze con Assolaser dopo averla messa al bando con dubbia legittimità.

“L’Ilca non ha alcun problema con la Fiv – scrive Hunt – se c’è un conflitto è fra la Fiv e l’Assolaser. L’Ilca, riconosciuta dalla World Sailing, riconosce a sua volta l’Assolaser come ente che si occupa delle attività internazionali per l’Italia e San Marino da oltre 40 anni. L’Ilca ha contattato il presidente di Assolaser Roberto Beltrame il quale ha riferito che attende ancora una sentenza in merito alla disputa con la Fiv che potrebbe arrivare fra settimane, mesi o addirittura anni. L’Ilca – scrive ancora Hunt – si augura che si possa trovare una soluzione a breve per il bene dei laseristi. La World Sailing – conclude Hunt – può osservare la mediazione fra le parti e fornire informazioni necessarie per appianare le divergenze, ma non ha il potere legale per risolvere la disputa fra Fiv e Assolaser”. Che tradotto in parole povere significa “trovate una soluzione, ma sbrigatevela voi”: nulla da eccepire se non fosse che a dirlo è l’Isaf di Carlo Croce in risposta a un quesito inoltrato dalla Fiv di Carlo Croce la stessa Federazione che sembra non essersi ancora accorta del pesante danneggiamento provocato ai suoi stessi tesserati che svolgono a diverso titolo l’attività della classe Olimpica più diffusa ed organizzata al Mondo.

Alla prossima puntata.

 

Vela Classe Laser: la Fiv delibera il divieto di partecipazione ai suoi tesserati alle manifestazioni Ilca ed Eurilca e i velisti insorgono

 


Inserito da Redazione 1 aprile 2016
Albaria Prima Pagina è una pubblicazione, edita da Albaria A.S.D., iscritta il 26/03/1983 al n. 10 del registro della stampa presso il Tribunale di Palermo. E-mail albariapress@albaria.com


Esplora le webcam